testa

usare * come carattere di troncamento

Rif: ITA-ACCRU-AU-323; ultima modifica: 28/01/2014 13:53:00

Buonarroti, Michelangelo <1568-1646>

Forma variante Impastato

Forma variante Lo 'mpastato

Forma variante Buonarroti, Michelagnolo

Forma variante Buonarruoti, Michelagnolo

Forma variante Buonarroti, Michel Agnolo

Fonti BNI, EDIT16, ABI, DBI, LOC-AU, BnF-AU, EI, LUI, ACF, BCF, Catalogo Parodi, ACF-Cat.1a, ACF-Cat.1b, ACF-Cat.2, ACF-Cat.3, ACF-Cat.4a, ACF-Cat.4b, ACF-Cat.4c, BCF-Cat.1a

Esistenza Firenze 4 novembre 1568 — Firenze 11 gennaio 1646

Nota biografica Poeta.
Detto "il Giovane", è pronipote del più famoso Michelangiolo il vecchio. Raccoglitore d'opere d'arte (Casa Buonarroti). Consolo dell'Accademia fiorentina nel 1599.

Attività in Accademia
Ripetutamente censore (nel 1593, 1595, 1598/1599, 1603/1604) e consigliere (1597, 1600/1601, 1644). Arciconsolo dal 7 febbraio al 7 agosto 1596. Collaboratore all'edizione critica della "Commedia" dantesca (1595) e alle prime due impressioni del "Vocabolario" (1612 e 1623). Nel 1641 è di nuovo tra i deputati alla revisione dello stesso, per la terza impressione (1691).

Opere citate nel Vocabolario
"La fiera" (testo a penna): III Crusca; Firenze, Tartini e Franchi, 1726: IV e V Crusca; "La Tancia" (ediz. non conosciuta): III Crusca; Firenze, Giunti, 1612 e Firenze, Tartini e Franchi, 1726: IV Crusca; (solo la seconda): V Crusca; "Cicalate" in "Prose fiorentine", t. I, p. III: IV e V Crusca; "Descrizione delle felicissime nozze di Maria Medici regina di Francia" ecc. Firenze, Marescotti, 1600: V Crusca; "L’aione". Firenze, Logge del Grano, 1852: V Crusca; "Il giudizio di Paride". Firenze, Sermartelli, 1608: V Crusca; "Lezione sopra il sonetto del Petrarca «Amor che nel pensier mio vive e regna»" in "Prose fiorentine", t. III, p. II: V Crusca; "Orazioni" (Delle lodi di P.F. Cambi; Della fondazione di un’Accademia di lettere, d’armi e di musica; Delle lodi di Cosimo II Granduca di Toscana) in "Prose fiorentine", tt. III e IV, p.I: V Crusca; "Satire" (testo a penna, Maruc. n. 37 A.): V Crusca.

Note Approfondimento
Il catalogo BCF-Cat.1a riporta come data di nomina ad accademico il 2 aprile 1589.

Pala lignea dell''accademico, dipinto su tavola della fine del sec. XVI-prima metà del sec. XVII di ignoto fiorentino.

Pala lignea dell''accademico, dipinto su tavola della fine del sec. XVI-prima metà del sec. XVII di ignoto fiorentino.

Accademico dal
4 aprile 1589

Nome Accademico
Impastato

Motto accademico
Quel che avanza

©2014 ACCADEMIA DELLA CRUSCA - C.F. 80000950487 - P.IVA: 01602600486

copyright | riservatezza dei dati personali