testa

usare * come carattere di troncamento

Rif: ITA-ACCRU-AU-526; ultima modifica: 07/09/2012 14:09:00

Sangro, Raimondo : di <1710-1771>

Forma variante Esercitato

Forma variante Sanseverino, Raimondo di Sangro <1710-1777 ; prince de>

Forma variante Di Sangro, Raimondo

Fonti BNI, ABI, DBI, BnF-AU, EI, ACF, BCF, Catalogo Parodi, ACF-Cat.2, ACF-Cat.3, ACF-Cat.4c, BCF-Cat.1b

Esistenza Torremaggiore (FG) 30 gennaio 1710 — Napoli 22 marzo 1771

Nota biografica Principe, inventore e lessicografo.
Principe di San Severo.

Attività in Accademia
Nel 1746 l'Accademia approva un suo scritto dal titolo "La maniera più agevole di usare i cavalli di frisia", pubblicato quello stesso anno.

Note Approfondimento
Il catalogo ACF-Cat.4c riporta come data di nomina ad accademico il 31 marzo 1743. Nel Catalogo Parodi si legge (pp. 202-203): «L'impresa, presentata con lettera in data 14 gennaio 1744, fu approvata il 14 marzo seguente. Prima di questa, e precisamente il 16 aprile 1743, il di Sangro aveva proposto segretario dell'Accademia "il nome e l'impresa col motto, l'uno e l'altra convenevole a mio credere all'opera [mia]", e cioè il Fortificato, col motto: "Guardato rassicura", con un'iconografia raffigurante una fortezza militare, disegnata su uno scudo. Successivamente, il 13 maggio 1743, il nostro presentava un progetto, accompagnato da un disegno a colori, del seguente tenore: "Il corpo dell'impresa: Un abbeveratoio pieno d'acqua, un fil di grano, la cui spiga stia in sulla sponda del vaso, e 'l gambo entro l'acqua; un formicone, che caduto dalla sponda dell'acqua zampettando si aiti a salire in sul gambo, al quale già s'attenga. Il motto: Cibo, e sostegno mio, è tolto dal Sonetto del Casa 'sagge, soavi, angeliche parole'. Ed essendovi altri, che per avventura l'avesse usato: 'Scampo al mio duolo, e segno ai miei desiri', che pur è tolto dal Sonetto del Casa 'Gli occhi sereni e, 'l dolce sguardo honesto'. Il nome: l'Assicurato, ovvero se mai fosse nome d'altrui, lo Scampato, ovvero il Salvato, ovvero il Liberato. La spiegazione: L'accademico è espresso nel formicone; l'acqua, nella quale può 'l formicone perire, spiega il rischio, che corre colui, che non intende a virtù; e 'l fusto non meno che la spiga dinota l'Accademia, i cui insegnamenti sono il sostegno e 'l cibo dell'accademico; il sostegno, onde sicuramente si tragga fuora di qualunque pericolo di errore; il cibo, onde pasca l'animo disioso di profittare nelle buone arti, sì come il gambo e la spiga sono il sostegno, e 'l cibo del formicone". Le due proposte furono discusse e disapprovate dai censori, come riferisce l'Alamanni in due lettere al di Sangro (Cfr. Arch. Cru. Carte Alamanni nn. 103, 104, 105, 122 e 124)».

Accademico dal
30 marzo 1743

Nome Accademico
Esercitato

Motto accademico
Esercitar mi suole

©2014 ACCADEMIA DELLA CRUSCA - C.F. 80000950487 - P.IVA: 01602600486

copyright | riservatezza dei dati personali