Rif: ITA-ACCRU-AU-265; ultima modifica: 03/10/2016 13:41:00

Salviati, Alamanno <1669-1733>

Materiali d'archivio

  • Forma variante Informe

Fonti BNCF, ABI, EI, ACF, BCF, Catalogo Parodi, ACF-Cat.1a, ACF-Cat.2, ACF-Cat.3, ACF-Cat.4b, ACF-Cat.4c, BCF-Cat.1b

Esistenza Firenze marzo 1669 — 1733

Nota biografica Ecclesiastico e letterato.
Nunzio straordinario alla corte di Francia, protonotario apostolico (1707) e vicelegato in Avignone (1711). Nel 1730 viene nominato cardinale da papa Benedetto XIII. Pastor arcade.

Attività in Accademia
Arciconsolo nel 1695-1696 e nel 1703-1704. Segretario della Generale Adunanza del 1696-1697, nella quale viene nominato vice-segretario dell'Accademia, egli ne tiene il "Diario" pubblico dal dicembre 1696 al 5 settembre 1705 (prima parte del Cod. 25 autografa, conservata in Crusca). Creato segretario nella Generale Adunanza del 1705, lo rimane fino alla morte, nonostante che gli impegni ecclesiastici lo tengano lontano da Firenze. In questa sua veste egli fa parte della deputazione per gli studi del "Vocabolario" (1696), poi della deputazione per la quarta edizione (1729-1738), per la quale scrive la «lettera dedicatoria». Ristabiliamo la data di elezione di questo ed altri 15 accademici, in base ad un elenco di nomi «per proporsi, così parendo a S.A.», che si trova nelle Carte Segni, con la data del 20 giugno 1690. Così facendo, correggiamo il Catalogo IX 5 169 e quello successivo del Fiacchi, nella nota 85, per evidente errore di interpretazione del documento di Alessandro Segni (Catalogo Parodi, p. 136).

Note Approfondimento
La data d'elezione ad accademico si ricava da una nota del Guernito trovata fra le sue carte (cfr. BCF-Cat.1b).

Pala lignea dell’accademico, dipinto su tavola del sec. XVII - XVIII di ignoto fiorentino

Pala lignea dell’accademico, dipinto su tavola del sec. XVII - XVIII di ignoto fiorentino

Accademico dal
[20] giugno 1690

Nome Accademico
Informe

Motto accademico
Per cui s'informa